I ricercatori dell’Università dell’Indiana, guidati da Prathik Kini, hanno reclutato 43 persone che stavano intraprendendo sessioni di consulenza come trattamento per la loro ansia o depressione.

Published by Leave your thoughts

CORRELATO: Come trovare il miglior kit di sbiancamento dei denti a casa per un braccio più luminoso e più bianco al più presto Bicarbonato di sodio Advance White Extreme Whitening Baking Dentifricio in perossido Image zoom TARGET Brian Harris, DMD, un dentista presso Harris Dental a Phoenix, in Arizona, è un fan di questa scoperta di farmacia classica. Anche se contiene bicarbonato di sodio – che è un agente abrasivo – nell’elenco degli ingredienti, questo dentifricio offre un valore RDA più basso (traduzione: una scala che classifica l’abrasività dei dentifrici), proteggendo il tuo sorriso dai danni allo smalto, spiega Harris. Per acquistare: braccio Bicarbonato di sodio Advance White Extreme Whitening Baking Dentifricio in perossido ($ 4; target.com) Colgate Total Advanced Fresh + Whitening Gel Dentifricio Image zoom CVS Anche se questo dentifricio in gel è realizzato con silice (un ingrediente noto per essere abrasivo), i clienti segnalano che non aumenta la loro sensibilità, molto probabilmente grazie al fluoro, che offre sollievo dalla sensibilità rafforzando lo smalto e neutralizzando gli odori. Un recensore ha dichiarato: “Ho fumato per tre anni e recentemente ho smesso quattro mesi fa.

Niente più Newport! Ora ho denti più bianchi e respiro più fresco. “Per acquistare: dentifricio in gel Colgate Total Advanced Fresh + Fresh ($ 4; cvs.com) Tom’s of Maine Luminous White Dentifricio Zoom immagine Privo di aromi e conservanti artificiali, questo dentifricio completamente naturale è un’opzione più delicata per lo sbiancamento dei denti. Utilizza una tecnologia di sbiancamento naturale clinicamente testata per rimuovere le macchie superficiali ed è anche sicuro sullo smalto e per l’uso quotidiano, afferma Harris.

Per acquistare: Dentifricio bianco luminoso di Tom’s Maine ($ 5; target.com) CORRELATO: I 10 migliori spazzolini elettrici, secondo i dentisti Ciao dentifricio al fluoro con sbiancamento naturale Image zoom OBIETTIVO Questo dentifricio utilizza una miscela minerale di calcio per sbiancare i denti in modo naturale. È anche formulato con menta piperita, tea tree e olio di cocco per aiutare a idratare e tenere a bada l’alito cattivo. Uno shopper Target è stato entusiasta: “Al momento ho delle parentesi graffe e sento che questo dentifricio in realtà ha ottenuto i miei denti ancora più bianchi del dentifricio sbiancante della farmacia che ho usato per anni.” Per acquistare: Hello Naturally Whitening Whitet Fluoride Dentifricio ($ 4; target.com ) Dentifricio sbiancante al fluoruro Premium Club Direct Smile Image zoom SMILE DIRECT CLUB Il dentista con sede a Colorado Springs Gary Moore, DDS, che è anche nella rete di esperti di Smile Direct Club, raccomanda questo dentifricio sbiancante. “La formula per combattere la cavità combatte l’accumulo di tartaro e non contiene aromi o conservanti artificiali”, afferma.

Non solo difende dalle fastidiose cavità, ma rinfresca anche l’alito e illumina il tuo sorriso. Per acquistare: Dentifricio sbiancante al fluoro Smile Direct Club Premium ($ 5; smiledirectclub.com) Colgate Optic White Dentifricio sbiancante avanzato denti Image zoom OBIETTIVO Con oltre 600 recensioni e una valutazione a cinque stelle quasi perfetta, questo dentifricio afferma che può portarti quattro tonalità più bianche semplicemente spazzolando con esso due volte al giorno per un massimo di sei settimane. È dotato di perossido di idrogeno e silice (entrambi leggermente abrasivi), quindi interrompi l’uso se inizi a sentire qualche disagio. Un cliente Target ha scritto: “Mi lavo due volte al giorno e ho notato subito il cambiamento nel [dei] colori dei [miei] denti”. Per acquistare: dentifricio sbiancante per denti Colgate Optic White Advanced ($ 5; target.com) Crest 3D Dentifricio sbiancante bianco Image zoom OBIETTIVO Un’altra scelta di Harris, questa pasta ha promesso di rimuovere fino all’80% delle macchie superficiali, proteggendoti contro le macchie future.

Il rovescio della medaglia è che è piuttosto abrasivo, più del doppio rispetto ad altri dentifrici sbiancanti. “Il valore RDA è significativamente più alto rispetto alle altre opzioni”, afferma Harris. “Per questo motivo, esiste un rischio maggiore di danneggiare lo smalto dopo un uso prolungato.” Quindi, usalo solo per una settimana alla volta quando senti che i denti sembrano un po ‘opachi e gialli. Per acquistare: dentifricio sbiancante bianco Crest 3D ($ 7 per confezione da 2; target.com) di Brittany Loggins In che modo esprimere gratitudine può cambiare il tuo cervello La gratitudine ti fa molto bene. Di Christian Jarrett, Science of Us 12 gennaio 2016 Pubblicità Salva Ellissi Pin FB Altro Tweet Mail Email iphone Invia SMS Stampa Zoom immagine Molta cosiddetta “psicologia positiva” può sembrare un po ‘traballante, specialmente se sei il tipo di persona che non è incline a rispondere bene a un monito per “guardare al lato positivo”. Ma gli psicologi positivi hanno pubblicato alcune scoperte interessanti, e una delle più solide è che sentirsi riconoscenti è molto positivo per te.

Di volta in volta, gli studi hanno dimostrato che eseguire semplici esercizi di gratitudine, come tenere un diario della gratitudine o scrivere lettere di ringraziamento, può portare una serie di benefici, come i sentimenti di maggiore benessere e riduzione della depressione, che spesso persistono bene dopo gli esercizi sono finiti. Ora uno studio di scansione del cervello in NeuroImage ci avvicina un po ‘di più alla comprensione del perché questi esercizi hanno questi effetti. I risultati suggeriscono che anche mesi dopo una semplice, breve gratitudine, i cervelli delle persone sono ancora collegati per sentirsi ancora più grati. L’implicazione è che i compiti di gratitudine funzionano, almeno in parte, perché hanno una natura che si autoalimenta: più pratichi gratitudine, più ti sei sintonizzato e più puoi goderne i benefici psicologici.

harmoniqhealth.com I ricercatori dell’Università dell’Indiana, guidati da Prathik Kini, hanno reclutato 43 persone che stavano intraprendendo sessioni di consulenza come trattamento per la loro ansia o depressione. Ventidue di loro furono assegnati a un intervento di gratitudine; per le prime tre sessioni della loro consulenza settimanale, questo gruppo ha trascorso 20 minuti a scrivere una lettera in cui hanno espresso la loro gratitudine al destinatario, un’ora in totale (se ha deciso di inviare queste lettere dipendeva da loro). Gli altri partecipanti hanno agito come un gruppo di controllo, quindi hanno semplicemente assistito al loro consulto come al solito senza svolgere il compito di gratitudine. Tre mesi dopo la fine della loro consulenza, tutti i partecipanti hanno completato un “Paga in avanti” compito di gratitudine in uno scanner per il cervello. Ognuno era “dato” varie somme di denaro da benefattori immaginari i cui nomi e foto apparivano sullo schermo per aumentare il realismo del compito.

I ricercatori hanno detto ai partecipanti che ogni benefattore ha affermato che se il partecipante volesse esprimere la propria gratitudine per il dono monetario, lo apprezzerebbero se il partecipante donasse una parte o tutta la donazione a una terza persona nominata (di nuovo, identificata da una foto e nome) o un ente di beneficenza denominato. I partecipanti sapevano che si trattava di un esercizio, ma a tutti è stato detto che una delle transazioni, scelta in seguito a caso, sarebbe effettivamente avvenuta – cioè, avrebbero effettivamente ricevuto l’importo in contanti offerto loro da uno dei benefattori meno l’importo che hanno scelto di trasferire (e il denaro che hanno deciso di trasferire sarebbe davvero andato in beneficenza). I ricercatori hanno scoperto che, in media, più denaro un partecipante ha regalato, e più forti sono i sentimenti di gratitudine che hanno riferito di sentire, più attività hanno mostrato in una serie di aree cerebrali nelle regioni frontali, parietali e occipitali. È interessante notare che questi modelli di attività neurale apparivano in qualche modo distinti da quelli che di solito compaiono quando i soggetti sottoposti a scansione cerebrale completano compiti associati a emozioni come l’empatia o il pensiero dei punti di vista di altre persone, il che è coerente con l’idea che la gratitudine sia unica emozione. La cosa più eccitante, tuttavia, è la scoperta che i partecipanti che avevano completato il compito di gratitudine mesi prima non solo riferivano di sentirsi più riconoscenti due settimane dopo il compito rispetto ai membri del gruppo di controllo, ma anche, mesi dopo, mostravano più gratitudine attività cerebrale nello scanner.

I ricercatori hanno descritto questi “profondi” e “di lunga durata” effetti neurali come “particolarmente degno di nota”, e hanno messo in evidenza che una delle principali regioni che ha mostrato questa maggiore sensibilità – il “cingolato anteriore anteriore”, che è noto per essere coinvolto nella previsione degli effetti delle proprie azioni sulle altre persone – si sovrappone a una regione cerebrale chiave identificata nell’unico studio precedente sull’impronta neurologica della gratitudine. Questo risultato suggerisce che più pratica fai al tuo cervello nel sentire e nell’esprimere gratitudine, più si adatta a questa mentalità – potresti persino pensare al tuo cervello come ad avere una sorta di “gratitudine” ?? che può essere esercitato e rafforzato (non così diverso da varie altre qualità che possono essere coltivate attraverso la pratica, ovviamente). Se questo è giusto, più uno sforzo fai per provare gratitudine un giorno, più la sensazione ti verrà spontanea in futuro.

Potenzialmente aiuta anche a spiegare un’altra constatazione accertata, che la gratitudine può crescere a spirale: più ci sentiamo grati, più è probabile che dobbiamo agire socialmente verso gli altri, facendoli sentire grati e creando una bella cascata virtuosa. Tuttavia, non permettiamo al caldo bagliore di tutta questa gratitudine di sciogliere le nostre facoltà critiche. È importante rendersi conto che questo risultato è incredibilmente preliminare.

Per prima cosa, come ammettono apertamente i ricercatori, non hanno condotto una scansione del cervello di base dei partecipanti prima di iniziare il gioco Pay It Forward, quindi è possibile, sebbene improbabile dato che i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale alla gratitudine e gruppi di controllo, che i partecipanti che hanno svolto il compito di gratitudine semplicemente avevano già più sensibilità neuronale alla gratitudine, non perché hanno svolto il compito di gratitudine. Un’altra cosa: i membri del gruppo di controllo non hanno svolto un compito di scrittura comparativa, quindi non possiamo sapere con certezza che è stato l’atto di scrivere una lettera di ringraziamento, al contrario di qualsiasi tipo di esercizio di scrittura, che ha portato a una maggiore sensibilità neurale alla gratitudine. Tuttavia, le indagini neurologiche sulla gratitudine sono agli albori e questa ricerca ci fornisce certamente alcuni indizi interessanti su come e perché gli esercizi di gratitudine sono utili. Per questo possiamo essere, beh, grati.

Il Dr. Christian Jarrett (@Psych_Writer), scrittore collaboratore di Science of Us, è editore del blog Research Digest della British Psychological Society. Il suo ultimo libro è Great Myths of the Brain. Altro da Science of Us: Perché non dovresti imbatterti nelle note di ringraziamento 4 Oliver Sack Citazioni sulla gratitudine I cervelli di uomini e donne sembrano invecchiare in modo diverso Quanto sono diversi i cervelli delle persone popolari Basta dire ‘Grazie’ alle persone con cui lavori 5 Ragioni per cui ringraziare può migliorare la tua vita Questo articolo è originariamente apparso su nymag.com 5 Sintomi dell’occhio rosa da guardare r Gli occhi rossi non sono l’unico sintomo: qui, altri quattro modi per sapere se hai a che fare con questa condizione altamente contagiosa.

Di Cindy Kuzma, 01 febbraio 2019 Pubblicità Salva Ellissi Pin FB Altro Tweet Mail Email iphone Invia SMS Stampa Prima di tutto, la sensazione dell’occhio s graffiante o scomodo. Successivamente, potresti notare arrossamento, gonfiore o secrezione. Tutti si sommano a ciò che i medici chiamano congiuntivite, sebbene la maggior parte delle persone lo sappia con l’occhio rosa di tutti i giorni.

Questa condizione comune si verifica quando la congiuntiva – lo strato sottile e liscio di tessuto che riveste la superficie dell’occhio e l’interno del coperchio – diventa irritata o infetta. Molto spesso, ciò si verifica a causa di virus o batteri. “La congiuntivite è fondamentalmente come ottenere il raffreddore comune per i tuoi occhi”, afferma Gene Kim, MD, professore associato di oftalmologia e scienze visive con la McGovern Medical School della UTHealth di Houston e un membro della Robert Cizik Eye Clinic. I sintomi dell’occhio rosa sono generalmente lievi, ma nei casi più gravi la vista può essere compromessa e minacciata. I casi semplici di solito possono essere curati a casa con lacrime artificiali e impacchi freddi, afferma Radha Ram, MD, un oculista pediatrico e chirurgo per lo strabismo adulto con Texas Children’s Specialty Care ad Austin. Ma nei casi più gravi, possono essere necessari colliri o farmaci da prescrizione.

Quali sono i sintomi dell’occhio rosa? Continua a leggere per maggiori dettagli. In questo modo, puoi dire se la congiuntivite è il colpevole dei tuoi problemi agli occhi o di tuo figlio, così conosci il modo migliore per gestirlo.

Categorised in:

This post was written by robbie

Leave a Reply

Your email address will not be published.